A conclusione dell’anno scolastico, abbiamo partecipato ad un progetto che ci ha consentito di poter apprezzare e valorizzare i beni ed i tesori nascosti nella nostra città, Grottaglie.
Abbiamo visitato la remota struttura della Chiesa della Madonna di Pompei, conosciuto la storia della sua edificazione – voluta dal Beato Bartolo Longo – ammirato le forme architettoniche slanciate dell’esterno e le preziosissime opere poste all’interno dell’artista grottagliese, Arcangelo Spagnulo. Tale artista, era soprannominato dal suo maestro Ciro Fanigliulo, ‘’lu milota’’, perché tendeva a nascondersi in un angolo buio e umido durante le lezioni del suo maestro, svolte in un’antica chiesetta dedicata a San Giacomo Maggiore.
Il talento dell’artista fu valorizzato dalla locale Regia Scuola d’arte di Grottaglie che frequentò diplomandosi e dove ebbe l’opportunità di conoscere i suoi maestri: Ciro Fanigliulo e Gennaro Lupo.
La nostra attenzione è stata attratta dalle affascinanti opere che caratterizzano l’interno della Chiesa – che danno un significato storico alla struttura, e simboleggiandone la religiosità cristiana – e dai racconti del signor Mino Marzoli custode della storia della chiesetta insieme al cappellano don Ciro Monteforte, cappellano della stessa.
Poter ammirare i tesori della nostra città e valorizzarne le significative testimonianze architettoniche e di fede, rappresenta il tassello principale per la formazione di noi ragazzi di oggi, sperando, in futuro, di mantenere e tutelare il nostro patrimonio artistico e culturale.

Alberto Petrarulo

Annunci